Preludio di un’idea

Può capitare, passeggiando tra le strade della Valle d’Itria di fermarsi ad osservare un Muretto a secco, l’intreccio di un ulivo, la magia di una nuvola quasi azzurra in un cielo quasi limpido.

Sembra retorica. Vaghe parole incastonate in una parte di terra che per conformità sembra quasi una piccola Italia.

E sembra ancora retorica, ma la bellezza dei paesaggi, la leggerezza dell’aria e il profumo delle mandorle sono motivo di ispirazione per gli artigiani che con le loro mani dipingono e disegnano forme di vita di cui non conoscevamo l’esistenza.

Così, senza retorica, davanti a un campo di girasoli, all’alba, questi artigiani toccano con le mani quell’aria fresca che sveglia il giorno.

Alcune idee nascono così, altre davanti al mare, altre osservando di notte la magia di un paesaggio incontaminato e selvaggio.

Nascono così, tra l’ispirazione e la passione. E si incontrano su un atelier virtuale che racconta tutte le loro storie, passioni e pensieri.

“E nel mescolar di idee, nascono altre idee” .

 

L’arte, il contrario di soffocare, senza esplodere

Per chi continua a lasciarsi incantare dalla Pace, dal Mistero, dalla Grazia e dalla Gentilezza. “Siamo tutti allievi, praticanti, maestri”, disse qualcuno. Probabilmente la scuola non t’insegna la professione d’artista, perché non esistono tecniche prestabilite.

Il talento è talento puro, non c’è storia, non ci sono scuse. Può essere levigato come un legno, scolpito come il marmo e forse i colori si possono mescolare un po’ per diventare più belli ma forse, perderanno d’intensità.

L’animo dell’artista dev’essere libero di esprimersi ed imparare dalla vita. Prendere quello che vuole, il bacio di una passante e renderlo scultura, la sofferenza di un amico e trasformarlo in un grande urlo di dolore su una tela banca, mentre un uomo seduto su una panchina con lo  sguardo triste diventa un violino che racconta i suoi ricordi.

Non è una professione. È viscerale, è sentimento.

Poi, quel racconto che attraversa i nostri occhi per delinearsi nella nostra mente, esplode. Lembi di pelle che nemmeno conoscevamo accompagnano quell’urlo creativo. L’emozione, il ricordo si trasformano in racconto.

L’arte non si può imparare, e neanche definire. Si può dire solo che è il contrario di soffocare, senza esplodere.

 

 

Mestieri d’arte

Artista e artigiano si confondono, entrambi artefices, creatori di manufatti. Le mani diventano lo strumento delle idee, l’indispensabile prolungamento della nostra mente.

Primato Pugliese crea un incontro non casuale tra menti laboriose, operosità artigianale e amanti del settore, permettendo loro di conoscere ed entrare in contatto diretto con la maestranza e la sua pregiata arte.

Un atelier virtuale che mostra orgoglioso le creazioni e il talento di attenti e appassionati maestri, un luogo in cui raccontare come queste mani costruiscono ciò che la mente immagina.

L’artigianato raccontato da uomini che modellano il loro pensiero creativo all’interno di botteghe in cui il tempo è scandito da una lentezza silenziosa, pacata. In cui lo spazio si lascia respirare tra l’odore dei materiali, la precisione degli strumenti.

I polpastrelli, le mani, la mente. Il corpo lavora, gli occhi osservano, le dita toccano e il volto accenna un sorriso mentre l’immagine rarefatta dell’idea s’insinua vorticosamente nella realtà.

La creazione è un racconto. Il finale della storia è in divenire, capitoli di parole impercettibilmente perfette, appassionate, reali. Un’idea si trasforma in opera d’arte e le mani dipingono la storia di un momento di visionaria passione creativa.

 

 

 

Artigianato a misura d’uomo

Artigianato a misura di persona, a misura di casa, artigianato per passione: questi sono i tre ambiti in cui può variare la ricerca all’interno del portale di Primato Pugliese.

È evidente come un bene di produzione artigianale sia una scelta consapevole di voler, in qualche maniera, rompere gli schemi con i tempi moderni e con la convenienza di un acquisto in un grande magazzino. È altrettanto chiaro che la bellezza e la comprensione del valore intrinseco di un oggetto – e dell’opera d’arte – fanno parte di una formamentis che si coltiva nel tempo.

È per questo che noi abbiamo scelto di presentarvi i nostri atelier facilitandovene l’individuazione settoriale.

Un pezzo esclusivo in salotto, un paio di scarpe di pregio, un quadro, una cornice, una scultura, uno strumento musicale.

Non ci sarà mai comparazione tra le finiture di un legno intagliato e lavorato a mano, costruito dalle ore e dalla pazienza di un uomo che ha scelto di voler dare anima e voce ad un violino, rispetto a quello prodotto in un’azienda, ai ritmi della catena di montaggio.  Se è vero, come è giusto che sia, che questi beni hanno un costo differente, è altrettanto reale il valore CIVILE ed inestimabile che hanno i gesti e la qualità del lavoro fatto nelle botteghe dai nostri maestri artigiani.

Non esistono le mezze misure per comparare l’eccellenza. Non è un bene per il nostro Paese obbligare al fallimento economico il talento e la maestri di questi professionisti.
Primato Pugliese ha scelto di aprire il sipario su una scena che merita di essere vista e mai sottovalutata.

“ È compito dell’artista rendere l’umanità cosciente di se stessa. Tutta la grande arte è un tentativo di istituire una comunicazione e questa comunicazione non è un livellamento, non è un’eliminazione delle differenze. È un riconoscimento delle differenze, del diritto che hanno le differenze ad esistere, dell’interesse della scoperta che le cose sono differenti.” Henry James

Primato pugliese al Bollenti Spiriti Camp 2012

bscamp_farfalle-1

Confronto, condivisione, scambio: Primato Pugliese ha scelto di essere presente, nella sua intera identità anche offline, l’1 giugno scorso alla quinta edizione del BS Camp presso le Manifatture Knos di Lecce.

Uno spazio affascinante e costruttivo per noi e per moltissimi nostri colleghi che hanno scelto di realizzare progetti finalizzati alla promozione del territorio, delle sue maestranze e dei suoi prodotti. Creatività, innovazione, solidarietà. Un appuntamento importante.

Abbiamo raccontato la mission di Primato Pugliese: il nostro portale non si limita a declinare un elenco di eccellenze. È una narrativa di storie, di destini, di scelte. È la scrittura di una realtà mai sopita, esattamente come le idee che abbiamo seminato e raccolto in questo appuntamento. Viaggiamo. Non ci fermiamo. Nello spazio reale ed in quello virtuale.

Il BS Camp ha rappresentato una rete di confronto in cui scorgere i punti di contatto e di collaborazione per la nuova generazione dell’imprenditoria pugliese. Un percorso appena iniziato e che apre molteplici direzioni.

D’altra parte il viaggio è voler incontrare altri volti e altri modi di essere. L’eccellenza è anche questo: è arricchirsi, scoprire, attraversare le mescolanze di stile attraverso uno sguardo sempre lucido e attento.

Siamo già pronti per il prossimo appuntamento.

L’artigianato: la narrazione di un’arte.

Schermata 2012-06-26 a 10.57.29

Qualcuno, per lungo tempo, avrà considerato l’artigianato un’attività demodè. In un momento in cui si lavora a stock, in cui le case sono arredate tutte nello stesso stile svedese, in cui le aziende esportano le proprie attività, noi abbiamo scelto di puntare l’obiettivo su quelle che sono state le fondamenta dell’economia del nostro Paese e l’origine da cui ha preso forma la stessa industria che oggi, il più delle volte, per restare aperta, si esilia in territori d’oltralpe.

Passeggiando per le strade dei centri pugliesi,scoprendo l’architettura sobria e minimale mediterranea, non è, per fortuna, raro incontrare delle piccole porte che sono la soglia per entrare in un mondo capace di raccontare e disegnare orizzonti ben più vasti, fatti di esperienza e di tempo – ore ed ore – trascorse ad imparare l’arte manifatturiera.
Non è difficile conoscere artisti dell’artigianato, godere dei tessuti, delle ceramiche, del legno, non è complicato lasciarsi sorprendere dall’odore dei materiali, delle vernici e sconfinare in quel metro quadro di delicata creatività che ha fatto di un’idea, di un’intenzione, un oggetto. Un’opera d’arte.

Non a caso questa “imprenditoria” si tira fuori dal pil, dalla teoria del “molto” e di “poco valore”. Ogni vaso, ogni sedia, ogni centimetro di tessuto, sono il risultato di un’interpretazione e di una maestria che solo un “uomo” dedito alla bellezza può dare.

Per questo vi invitiamo a rendere ancora i vostri spazi unici, a scegliere con cura ciò che vi circonda e, perchè no, a riconoscere il valore di una professionalità fatta di estro, esperienza e talento. E la Puglia ne è piena.

Primato Pugliese nasce proprio per questo.

Le Maestranze Made in Puglia raccontate da Primato Pugliese.

sito

Abbiamo il piacere di darvi il benvenuto nel nostro blog, dedicato interamente alle eccellenze della Regione Puglia. L’intento è quello di raccontare le eccellenze dell’arte e dell’artigianato, non soltanto mostrandovi il risultato finale del lavoro delle maestraenze pugliesi, ma raccontandovi delle storie.

Sappiamo bene quanto rappresenti un vero e proprio valore il lavoro delle mani dei nostri artigiani, capaci di costruire la bellezza!

La condivisione è il motore del gusto e dello stile, anche quando queste hanno un’origine antica.

Buon viaggio nel mondo di Primato Pugliese.